Via delle Betulle 2
San Giovanni in Marignano
(Rimini) Italy

Tel (+39) 0541 955254
Fax(+39) 0541451164
info@italiadigusto.it
Accesso Area Clienti
E-Mail
Password
» La tua password
» Registrati
Formaggi stagionati e semistagionati
Prosciutti pregiati
Salumi e Insaccati pregiati
Pesce affumicato e marinato, tonni e bottarghe
Sughi, ragù e patè
Sottoli e sottaceti
Olii di Oliva D.O.P. e Aceti balsamici
Prodotti di pomodoro crudo, passata e salse
Tartufo e salsa tartufata
Paste alimentari e riso
Legumi e Cereali
Confetture e mieli
Cioccolato e altri prodotti dolciari
Confezioni Regalo
Voi siete Qui: HOME » Olii di Oliva D.O.P. e Aceti balsamici » Aceto tradizionale di Modena » Aceto tradizionale extra vecchio DOP 25 anni
Aceto tradizionale extra vecchio DOP 25 anni
Italia di Gusto non poteva ignorare "L'aceto più speciale del mondo", prodotto questo che nasce dall'abilità dell'uomo, nella scelta dei tempi e dei luoghi più adatti per le varie fasi necessarie alla trasformazione del mosto cotto e da piccoli segreti tramandati, il più delle volte, a voce. Solo dopo un adeguato periodo di invecchiamento il prodotto raggiunge quel sorprendente equilibrio di aromi e sapori che gli è proprio.
L'aceto balsamico tradizionale di Modena è ottenuto da mosto di uva cotto, maturato per lenta acetificazione, derivata da naturale fermentazione e progressiva concentrazione, mediante lunghissimo invecchiamento in serie di botticelle (batterie) di legni diversi e di volume decrescente, senza alcuna aggiunta di sostanze aromatiche. Tradizionalmente le antiche acetaie erano poste nei sottotetti delle case. Di colore bruno scuro, carico e lucente; densità apprezzabile e sciropposa; profumo caratteristico e complesso, penetrante, di gradevole ed armonica acidità; sapore dolce e agro ben equilibrato.
particolare tipo di aceto. Dal vino cotto, eredità della cultura romana, è nato un ingrediente che non ha riscontro in nessun'altra tradizione alimentare: l'aceto balsamico, sviluppatosi nella ristretta zona tra Modena e Reggio Emilia dove da secoli si preparavano aceti cosiddetti "speciali". La qualifica di balsamico gli venne attribuita col tempo, per le sue proprietà medicamentose. La prima menzione ufficiale di "Balsamico" la troviamo nel "Registro delle Vendemmie e vendite dei vini, per conto delle due cantine segrete (Ducali) per l'anno 1747" tenuto nel libro degli inventari, presso la corte degli Estensi.
Caratteristiche Prodotto:
L'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena è un prodotto tradizionale della cucina di Modena, la cui produzione è documentata già in un documento del 1046, apprezzato nel rinascimento dagli estensi. È prodotto con mosti provenienti esclusivamente dalla provincia di Modena. Per la vendita il Disciplinare di Produzione prevede due tipi di prodotto: * Affinato: invecchiato di almeno 12 anni (identificato da capsule di colore bianco). * Extravecchio: invecchiato di almeno 25 anni (identificato da capsule color oro) La parola "almeno" fa riferimento al fatto che durante i travasi tra botte e botte non si preleva mai tutto il prodotto, al contrario, si preleva solo un 25 - 30% del totale presente. L'aceto che rimane nella botte risente anno dopo anno di un invecchiamento sempre maggiore. Se un'acetaia è stata avviata 50 anni fa nel prodotto (anche nel prodotto di 12 anni) ci sarà un percentuale di prodotto di 50 anni. I tipi di prodotto fanno infatti riferimento soprattutto a caratteristiche fisico-chimiche che devono essere rispettate oltre a quelle olfattive, degustative, visive e tattili.
Ingredienti
mosto di uva cotto.
Regione di Provenienza: Emilia Romagna
Filiera Produttiva:
La produzione e l'imbottigliamento avvengono esclusivamente nel territorio della provincia di Modena. Le uve utilizzate per la produzione dell'Aceto Balsamico tradizionale di Modena sono: Lambrusco, Ancellotta, Trebbiano, Sauvignon, Sgavetta, Berzemino, Occhio di Gatta. L'ingrediente di base è il mosto d'uva cotto. Le uve utilizzate sono i trebbiani (di Spagna, di Castelvetro) e lambruschi, in genere uve molto zuccherine. Durante la fase di cottura a fuoco diretto e a vaso aperto, si ha una prima riduzione del volume di circa un terzo. Gli zuccheri si concentrano e vanno incontro ad una parziale caramellizazione, e il prodotto assume un primo colore "bruno". Lasciato a riposare nei mesi invernali, il mosto cotto va incontro ad una fase di fermentazione alcoolica innestata da saccaromiceti, e successivamente si procede con il travaso nella prima botte, di norma la più grande della "Batteria" (serie di botti ordinate dalla più capiente alla meno capiente, di norma dagli 80l ai 15-20l). Nelle botti inizia il processo chimico di "maturazione" del prodotto, grazie agli acetobatteri. Riferiti al "balsamico" sono gli agenti della biossidazione dell'alcol etilico in acido acetico secondo l'equazione: C2H5OH + O2 --> CH3COOH + H2O ovvero: alcol etilico + ossigeno --> acido acetico + acqua Per permettere la maturazione del prodotto e la continua azione degli acetobatteri le botti non sono sigillate, coperte solo da una pezza, lasciano liberi i batteri di scambiare ossigeno con l'ambiente circostante. Oltre alla trasformazione che si ottiene grazie agli acetobatteri è presente una forte concentrazione dovuta all'evaporazione. Infatti le botti non si trovano in cantina, ma nell'acetaia. L'acetaia, posta nel sottotetto, è il luogo perfetto per la maturazione dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena che necessita forte escursione termica tra inverno ed estate. In estate, alle alte temperature (in acetaia si arriva anche a 40° C) si ha la maggior attività batterica e anche la maggior evaporazione, in inverno l'attività batterica rallenta e il prodotto sedimenta tutte le impurità sul fondo della botte. Periodicamente parte del contenuto di ogni botte viene travasato in un'altra botte secondo una precisa sequenza fino ad avere nell'ultima botte un prodotto molto concentrato. Il Disciplinare di Produzione del prodotto prevede che per le botti si utilizzino legni pregiati della zona di origine (ovvero gli antichi domini estensi) Solitamente i legni impiegati sono il castagno, il rovere, il gelso, il frassino, il ciliegio e il ginepro. Ciascun produttore seguendo le regole del Disciplinare sceglie a suo piacimento legni più o meno aromatici per le sue botti. Il processo differisce da acetaia ad acetaia ed è spesso frutto di esperienze tramandate nei secoli da famiglie di produttori, che donano a ciascun aceto caratteristiche peculiari.
Storia del Prodotto
Numerosissime sono le notizie storiche che riguardano l'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena. Il termine - balsamico - accanto alla parola aceto appare per la prima volta nel 1700, come riportato nel registro delle vendemmie e vendite dei vini per conto delle Cantine segrete ducali per l'anno 1747 (archivio di Stato, Modena). Tuttavia, questa tradizione a produrre aceto balsamico "particolarissimo" in un'area abbastanza ristretta come appunto la provincia di Modena, è tanto antica da trovare precisa memoria già nel 1508 alla corte del duca di Modena, Alfonso I d'Este, marito di Lucrezia Borgia. Documenti e manoscritti del XVI secolo e dell'anno 1796, riferiscono dei mosti ben maturi utilizzati per la produzione dell'aceto balsamico alla modenese e dei rincalzi dei 36 barili custoditi nel terzo torrione del palazzo ducale verso S. Domenico. È interessante notare come da queste prime memorie appaiono di continuo due costanti fondamentali per la produzione dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena: il mosto cotto ottenuto dalle uve tipiche coltivate in provincia di Modena quale prodotto di base e la dislocazione dei locali di produzione in ambienti alti, generalmente in sottotetto. La prima codifica della produzione dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena ci perviene da una lettera autografa inviata nel 1860 da Francesco Aggazzotti a Pio Fabriani. A partire da tale data, le testimonianze relative a questa produzione infittiscono e diventano più ufficiali grazie alla diffusione commerciale: esposizione agraria 1863 in Modena, esposizione emiliana in Bologna del 1888, documenti a stampa dell'epoca in cui si afferma che l'aceto balsamico è una specialità modenese, prodotto da uve scelte. Queste testimonianze confermano che in provincia di Modena, da epoca immemorabile, viene prodotto un particolare tipo di aceto, sconosciuto in altre zone, con caratteristiche produttive e d'invecchiamento giunte pressoché inalterate fino ai nostri giorni le quali sono state recepite e oggettivate nel disciplinare di produzione dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena. »
Listino :
€ 122,40
Disponibilità:
8 pz.
Quantità:
Bottiglia ml 100
Listino :
€ 122,40
Disponibilità:
8 pz.
Acquista il prodotto